Le nostre attività
Albo d'Oro
Membri dell'associazione
Contatti
Chi Siamo
Siamo su AGR on line guarda il filmato
12° FESTIVAL SCACCHI (2020)
12th CHESS FESTIVAL (year 2020)
Giochi di Natale 2019
18° Concorso di Poesia Ischia l'Isola verde (2020)
Siti amici
Concorsi Letterari
 

Sezione live
Newsletter
Fotogallery
Area Download
Area privata soci
Forum
 

News
AVVISO PER CERIMONIA DI PREMIAZIONE XVIII CONCORSO DI POESIA: L'Associazione Giochi di Natale ringraziando i media locali e nazionali che hanno condiviso la notizia della premiazione del XVIII concorso nazionale di Poesia '"Ischia l'isola d'Ischia'" comunica per ragioni logistiche la cerimonia di premiazione di sabato 3 ottobre sarà effettuata presso l’hotel Villa Angela, via Provinciale Panza 220, Forio, dalle ore 18:00 alle 20:00. La partecipazione in presenza è riservata ai vincitori e ai poeti ischitani con accompagnatori; si consiglia di prenotare il posto dal giorno prima scrivendo a info@giochidinatale.it e fornendo nome, cognome e numero di telefono del poeta e dell’eventuale accompagnatore. Gli altri potranno seguire la diretta video sulla pagina facebook del Museo civico del Torrione. Chi vuole intervenire ma non può partecipare in presenza potrà farlo mediante videoconferenza con l’applicazione Meet di Google (per accedere non è necessario avere un account Google; per collegarsi con il cellulare bisogna scaricare l'applicazione Meet). A tale scopo bisogna richiedere le credenziali di accesso entro venerdì inviando una mail a info@giochidinatale.it; l’invito sarà spedito alla stessa mail da cui si scrive. Tutti i partecipanti sono tenuti a rispettare le misure anticovid (distanziamento e mascherina quando si è in movimento). Gli stessi partecipando acconsentono a che essi siano ripresi nel corso della serata per la trasmissione su Facebook e su Meet. Si prega di venire 15 minuti prima per prendere posto. L'Associazione Giochi di Natale si augura che nonostante le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria in atto si possa trascorrere una piacevole serata insieme all'insegna della Felicità. Il Presidente Mario Miragliuolo

LUTTO POESIA: Abbiamo appreso con costernazione della scomparsa della poetessa Anita Peloso Vallarsa, che ha partecipato numerose volte al nostro concorso onorandoci spesso con la sua presenza alle premiazioni. Esprimiamo il nostro cordoglio alla famiglia e la ricordiamo con la sua poesia '"Radici'" che le è valso il 1° posto assoluto nell'edizione 2010: Mi hai portato nell'abbraccio della tua casa ed ho dormito ed ho mangiato coccolato dalla tua pelle e dal tuo canto. Sono corso incontro alla magia a me sconosciuta della neve, col giubbino rosso fuoco, come il tuo cuore aspettando che qualche fiocco scegliesse le mie labbra dischiuse per dissetarmi l'anima. Con te ho camminato nella tua illusione di essermi madre, inebriato dai bagliori della tua città come un cavallino della giostra che ha negli occhi il sogno di toccare il sole, di assaporare il cielo. Ma questo non è il mio sole, non è il mio cielo ne' il mio vento, ne' la mia terra, ne' il mio mare. E sono il cavallino della giostra che cerca ali e scalpita per poter di nuovo nitrire ed affondare passi e trotti e galoppi nel sospiro della sua terra, nel profumo delle sue radici. Non volermene tenera madre, dal cuore di fuoco lascia ch'io vada a germogliare tra il respiro delle mie fronde e capirai, a poco a poco, che questa solo questa, è la tua più bella prova d'amore. 30.05.2010 Anita Peloso Vallarsa Arcè di Pescantina (VR)

GRAVE LUTTO ASSOCIAZIONE: Stamattina, 27 giugno 2020, è venuto a mancare prematuramente il socio fondatore, tesoriere e costante animatore dell’associazione, Giuseppe Magaldi. Colpito duramente dalla sorte già nell’adolescenza, ha saputo trovare la forza per reagire e vivere la vita pienamente, studiando, coltivando le sue passioni, dedicandosi all’arte,. facendosi una famiglia a cui va tutto il nostro cordoglio. Da vari anni era diventato direttore del Museo del Torrione ripristinando l’esposizione permanente delle opere del Maltese e organizzando una sequenza continua di eventi culturali e di gala. Preghiamo per la sua anima perché il Cielo lo abbia in gloria e noi avvertiamo la sua presenza benevola e fortificatrice. Che il Cielo dia a quanti lo conobbero la forza di andare avanti e continuare sul suo solco in modo che il suo spirito gioviale e fecondo non muoia mai.

Il mio ricordo di Peppe Magaldi, poliedrico ed instancabile organizzatore: Mi presento: sono una persona fortunata. Ho avuto la fortuna di trovare Peppe sulla mia strada. Nel lontano 1993 mi coinvolse nell’organizzazione di una caccia al tesoro passata alla storia: la gente ne parla ancora! Insieme a noi c’erano altri amici. Poi un giorno mi disse: “Mario, organizziamo qualcosa insieme?”. Quel giorno è nata l’idea della Gara di Enigmistica a Squadre e dei Giochi di Natale che si rinnovano ininterrottamente da allora fino ad oggi. Abbiamo cercato di creare degli eventi coinvolgenti con giochi vari, come freccette, biliardo, giochi di carte, Risiko, ping pong, tennis, scacchi e l’immancabile festa finale. Lungo la strada abbiamo trovato altri amici con la stessa voglia di fare qualcosa che contribuisse a tenere unita la nostra comunità: Vincenzo Maltese, Vincenzo Fiorentino, Luigi Castaldi. Col tempo sono stati creati nuovi importanti eventi: il premio di poesia, giunto alla diciottesima edizione, e il festival internazionale di scacchi che quest’anno è saltato per l’emergenza Corona virus. Molti messaggi di condoglianze sono arrivati anche a me , perfino dalla Russia, perché la gente sa il ruolo fondamentale che ha avuto Peppe nell’organizzazione. Sono passati tanti anni… Quando abbiamo cominciato eravamo dei ragazzi. Ognuno di noi si è sposato formando una famiglia, ma abbiamo continuato a organizzare. Erano molti anni che Peppe mi sollecitava a chiedere di prendere in gestione il Torrione ma io ero restio perché non volevo assumermi altri impegni. Ben ha fatto Peppe a creare l’associazione Radici che ha diretto in modo encomiabile. Il Torrione, un monumento di Forio di interesse storico e culturale, era semi-abbandonato. Lui, col suo lavoro e col suo spirito creativo, aiutato dal prode Luigi Castaldi, ha risistemato le sale trasformando il Museo in un vivo centro culturale con l’organizzazione di eventi di vario tipo come mostre d’arte, presentazioni di libri, serate di poesia, commemorazioni, corsi di formazione, eccetera. Era diventato davvero molto bravo nel presentare gli eventi ed anche nello scrivere: già da ragazzo si cimentava con la poesia ma ultimamente si stava dedicando alla prosa e i suoi racconti sono davvero avvincenti. Avrebbero dovuto vederlo i suoi professori di un tempo: un bel 10 sarebbe stato assicurato! I suoi interessi culturali volgevano a tutti i settori: la musica, l’arte, la culinaria, la fisica ma soprattutto il mare. Ha preso il diploma di capitano e ha cominciato l’istituto navale ma poi ha pragmaticamente interrotto quegli studi che non avrebbero potuto fruttargli un posto di lavoro. Però ha supportato molti ragazzi nei loro studi di marinaresca e di navigazione. Era bravo nella pesca e ti poteva insegnare tutto sui venti, sui nodi, sulle esche e sui vari tipi di pesca. Siamo di Forio e sappiamo che tipo di persona era Peppe: scherzoso e serio, con tanta voglia di divertirsi e di lavorare, parco e prodigo, etc.; incarnava virtù e difetti dell’essere umano, ma aveva un grande cuore: era sempre disponibile con tutti e la sua amicizia era come l’alta marea. Qualsiasi cosa potevi fare con lui, una serata al ristorante o un bagno al mare, un evento culturale o la costruzione di un nuovo marchingegno, riusciva sempre bene. Ne sentiremo la mancanza e la cosa non mi dispiace. Nella sua vita si è impegnato con tutte le forze, anche quando erano poche, e ha dato tanto. Penso che ora dovremmo fare qualcosa per lui. Penso che la sala al primo piano del Museo del Torrione debba essergli intitolata con una pubblica cerimonia e che vada dato un supporto immediato e duraturo alla famiglia, che è rimasta senza un reddito, visto che la sua pensione di invalidità non è reversibile. Se gli vogliamo bene come comunità dobbiamo salvaguardare il suo bene più grande, la sua famiglia, a cui non può più badare di persona. Mi rivolgo innanzi tutto alle istituzioni ma anche alla comunità civile. Peppe aveva una moglie che ha bisogno di trovare un posto di lavoro, e una figlia minorenne che ha bisogno di studiare per poter costruire il suo futuro e un giorno, si spera, dare alla luce un altro piccolo Peppe. 29/06/2020 Mario Miragliuolo Presidente dell’Associazione Giochi di Natale

 
   
Associazione Giochi di Natale - Via Casa Mattera n° 9 - C.A.P. 80075 Forio (NA) - C.F. 91008330630 - Tel. 081.908462
Sito realizzato da Ischiamatica